RASSEGNA STAMPA
ULTIME NEWS
il dott polimeni ascanio intervistato da d repubblica nello speciale dedicato agli ormoni bioidentici
il dott polimeni ascanio intervistato da d repubblica nello speciale dedicato agli ormoni bioidentici il dott.ascanio polimeni e regenera rg protagonisti ai congressi internazionali di medicina antiaging di montecarlo,mosca e berlino
il dott.ascanio polimeni e regenera rg protagonisti ai congressi internazionali di medicina antiaging di montecarlo,mosca e berlino
Ti trovi in Medicina Antiaging,Antiaging,Menopausa,Andropausa,Ormoni Bioidentici | CHE FELICITA' DOPO I 60 ANNI,LA RICETTA:SPORT,CIBO SANO,SESSO e SONNO RESTAURATORE-REPUBBLICA 24 OTTOBRE 2010-

CHE FELICITA' DOPO I 60 ANNI,LA RICETTA:SPORT,CIBO SANO,SESSO e SONNO RESTAURATORE-REPUBBLICA 24 OTTOBRE 2010-

08/02/2011

scarica pdf 

BUON cibo, muscolatura asciutta,
attività fisica, controllo dello
stress e sesso. Il segreto della longevità
è in quell’alchimia di fattori
che determina l’“equilibrio ormonale”.
Il paradiso del bilanciamento
tra ormoni anabolici e catabolici
esiste e si trova in Toscana,
nella zona del Chianti. A scoprirlo
è stata l’università di Parma
nel 2007 con lo studio pubblicato
su Arch. Inter. Medicine «In
Chianti Project» che verrà presentato
oggi a Roma da Ascanio
Polimeni, docente all’international
Master of Anti Aging Medicine
IHS a Parigi e condirettore di
Regenera Research Group(www.regeneragroup.com), in occasione
del convegno promosso
da Repubblica Salute «Terza età.
Un mondo da scoprire, una risorsa
da valorizzare». L’università
emiliana ha rilevato che in questa
zona le persone vivono di più. E
invecchiano bene mangiando cibo
genuino, facendo attività fisica
e sesso. Le relazioni interpersonali
per loro sono così importanti
che ricorrono spesso a trattamenti
per migliorare il proprio
aspetto: «Sono anziani che amano
la vita — spiega Norma Cameli,
responsabile di dermatologia
estetica degli Istituti Fisioterapici
Ospedalieri di Roma — dai 45 ai
65 anni chiedono trattamenti di
bellezza. Dai 65 in poi cercano di
correggere i difetti della vecchiaia
». Un insieme di fattori positivi
che ha portato l’Italia a diventare
il terzo Paese più longevo
del mondo. «Negli ultimi 100 anni
— spiega Polimeni — la durata
della vita media è aumentata del
30%. Questo perché lo stile di vita
di alcune aree del nostro Paese favorisce
l’equilibrio degli ormoni.
Purtroppo resta il problema delle
malattie neurodegenerative in
aumento. Ma la situazione in Italia
è mediamente molto buona».
Dopo il Chianti, le regioni più
longeve sono la Sardegna e le zone
del lago di Garda. Invece uno
dei Paesi al mondo dove si vive
più a lungo dopo il Giappone, è la
Siberia, oggetto di studio da parte
di Polimeni. «Qui essendoci un
tempo stato il mare, terra e aria
sono ricche di iodio. E poi, i siberiani
mangiano una marmellata
di mirtilli ricca di vitamina C e antiossidanti
».